ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La protesta delle guardie carcerarie in Francia

Lettura in corso:

La protesta delle guardie carcerarie in Francia

Dimensioni di testo Aa Aa

Non si spegne il fuoco della protesta che infiamma le carceri francesi. I dipendenti dei penitenziari hanno nuovamente incrociato le braccia, chiedendo un aumento del personale e dei fondi.

Dato che per legge i guardiani non possono sfilare e manifestare, la loro protesta si concentra sul blocco dell’accesso alle carceri. Quasi duecento gli istituti coinvolti nelle azioni sindacali. “Nonostante la situazione critica nelle nostre prigioni – spiega un rappresentante sindacale – il ministro della giustizia non intende prevedere un aumento del personale. La proposta di Rachida Dati non ci soddisfa, dunque continuiamo la nostra protesta”. Le carceri francesi sono sovraffollate: 63 mila detenuti per 52 mila posti. I secondini sostengono di non riuscire più a gestire la situazione. Anche il Consiglio d’Europa ha redarguito Parigi, e alcune associazioni sottolineano il preoccupante aumento dei suicidi tra i detenuti.