ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strage in un matrimonio, 8 arresti

Lettura in corso:

Strage in un matrimonio, 8 arresti

Dimensioni di testo Aa Aa

Otto persone sono state arrestate per la strage compiuta durante un matrimonio in Turchia.

44 le vittime, tra le quali molte donne e bambini: si trovavano tutti ad una festa di nozze in un villaggio, quando alcuni uomini armati hanno fatto irruzione e aperto il fuoco sugli invitati, con fucili automatici e granate. Il ministro dell’interno turco Besir Atalay esclude l’ipotesi di un attentato terroristico, e assicura che si tratta piuttosto di una faida tra famiglie rivali. Le nozze erano quelle della figlia del capo del villaggio, che si trova nei pressi di Mardin, nella Turchia meridionale al confine con la Siria. In questa regione rurale a maggioranza curda, povera e arretrata, i regolamenti di conti tra famiglie sono sanguinosi e frequenti. Uno dei primi testimoni arrivati sul luogo della strage racconta: “Stavo guardando la televisione e ho sentito degli spari e delle esplosioni. Abito più o meno ad un chilometro di distanza dal villaggio. Quando sono arrivato gli spari erano finiti. Sono entrato e ho visto che erano morti tutti. Ho controllato un paio di corpi ma non c’era più nessuno di vivo”. La polizia paramilitare locale sta cercando i responsabili. Nella regione è attiva la guerriglia separatista curda. Secondo i media locali, le famiglie degli sposi includono membri della milizia promossa dallo Stato turco, il cui compito è proprio combattere i ribelli curdi.