ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fiat-Opel. Oggi Marchione a Berlino presenta l'offerta. Potrebbe nascere un nuovo gigante dell'auto

Lettura in corso:

Fiat-Opel. Oggi Marchione a Berlino presenta l'offerta. Potrebbe nascere un nuovo gigante dell'auto

Dimensioni di testo Aa Aa

Giornata cruciale per Fiat che punta con decisione ad Opel. Un’ operazione non facile visti i paletti posti dagli esponenti del governo tedesco. E cosi’ oggi a Berlino l’amministratore delegato della casa torinese Sergio Marchionne, forte dell’accordo con Chrysler, dovrà presentare i progetti di Fiat e convincere i ministri degli esteri e dell’economia che il Lingotto è il partner ideale per Opel.

Dall’intesa potrebbe nascere un gruppo da 80 miliardi di euro, un vero colosso europeo dell’auto che lascia perplessi i socialdemocratici e i sindacati. Intanto, mentre il governo tedesco sta definendo le condizioni di vendita per i potenziali acquirenti di Opel, i dipendenti restano ostili verso il gruppo italiano. I vertici della SPD rassicurano i lavoratori facendo sapere che non si accettano pretendenti che non diano garanzie sul lungo periodo. Le sinergie fra Fiat e Opel potrebbero raggiungere il miliardo di dollari l’anno dando vita a un gruppo paneuropeo che, con Chrysler, sarà forte in Europa, Nord America e America Latina. Ad insidiare la proposta di Fiat da 750 milioni di euro, almeno secondo le ultime voci, c‘è sempre Magna, il gruppo austro-canadese che stando alle indiscrezioni di stampa, sarebbe disposto a investire nell’operazione Opel cinque miliardi di euro. Dopo le nozze con Detroit, Fiat attende ora il verdetto tedesco che potrebbe arrivare entro la fine del mese.