ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lione, mega-trasferimento di detenuti

Lettura in corso:

Lione, mega-trasferimento di detenuti

Dimensioni di testo Aa Aa

Più di 400 detenuti trasferiti da un carcere a un altro, nello stesso giorno. Avviene a Lione, nella più grande operazione del genere mai organizzata in Francia. Il trasferimento in una prigione nuova di zecca, nella periferia meridionale della seconda città francese, avviene sotto straordinarie misure di sicurezza, con l’impiego di elicotteri, pattuglie di motociclisti, centinaia di agenti impegnati. “Il rischio principale, ovviamente, è quello di evasione – dice un poliziotto -. E la possibile ribellione da parte di detenuti che non vogliono cambiare carcere”. La nuova casa di pena, costruita grazie a un partenariato pubblico/privato, ha celle singole di 10 metri quadrati con servizi e finestre ad altezza normale. E’ in grado di accogliere fino a 690 detenuti. La sua inaugurazione permette la chiusura di due antiche prigioni nel pieno centro di Lione, Saint Paul e Saint Joseph, risalenti al XIX secolo, famigerate per le pessime condizioni di vita offerte ai detenuti. Nel carcere Saint Joseph era rinchiuso, fino alla sua morte nel 1991, l’ex criminale nazista Klaus Barbie.