ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In crisi la località turistica dove è scomparsa Madeleine

Lettura in corso:

In crisi la località turistica dove è scomparsa Madeleine

Dimensioni di testo Aa Aa

A due anni dalla scomparsa di Madeleine Mac Cann, il villaggio di Praia da Luz, la località balneare portoghese dove si sono perse le tracce della bimba britannica in vacanza, vorrebbe chiudere una volta per tutte la vicenda. I genitori della piccola continuano la loro campagna mediatica per tenere desta l’attenzione sul caso, ma le ricadute sull’economia della zona, che vive di turismo, sono disastrose. I commenti degli abitanti sono univoci: “Tutto questo baccano, ancora… Che la famiglia la smetta e dica quello che è davvero successo. Sono gli unici a saperlo”. “Ci hanno danneggiato. Secondo me nessuno dovrebbe più parlarne. Preferirei non vedere più quella famiglia”. “Questa vicenda ha portato tanta disoccupazione. Ora stiamo davvero male, mentre prima tutto andava bene”. L’albergo dove risiedevano i McCann ha licenziato metà del personale a causa – è la motivazione ufficiale – della cattiva pubblicità provocata dal caso. L’ex coordinatore della polizia giudiziaria, Gonçalo Amaral, sta conducendo un’inchiesta privata, insieme a investigatori britannici, per spingere la procura della Repubblica alla riapertura del dossier. Fu Amaral ad avanzare l’ipotesi che la bimba fosse morta per un’imprudenza dei genitori.