ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Per gli Usa il terrorismo islamico resta la minaccia numero uno

Lettura in corso:

Per gli Usa il terrorismo islamico resta la minaccia numero uno

Dimensioni di testo Aa Aa

La rete dell’estremismo islamico radicale, e in particolare al-Qaida, resta la minaccia terroristica più grave per gli Stati Uniti. Lo sostiene un Rapporto del Dipartimento di Stato degli Usa, che sottolinea come operando nelle province tribali tra Afghanistan e Pakistan, la rete di Osama bin-Laden abbia fatto raddoppiare in un anno nella regione gli atti terroristici.

Washington tuttavia si dice preoccupata anche dalla situazione attuale in Somalia. “Uno scenario emergente negli ultimi anni è quello della Somalia, che ci pone davanti a una sfida importante”, dice un funzionario, “Il gruppo terroristico al-Shahab ha legami con al-Qaida, e controlla il sud e il centro del paese”. Nella lista nera dei paesi che aiutano gruppi terroristici, resta l’Iran, nel mirino per il sostegno fornito agli Hezbollah libanesi e alla insorgenza sciita in Iraq. Dall’Avana, dove si trova in visita, il ministro degli Esteri di Teheran, Mottaki, ha liquidato le accuse in una battuta: “Gli Stati Uniti con quello che hanno fatto ad Abu Ghraib e a Guantanamo non hanno nè l’autorevolezza nè la capacità di esprimere opinioni o accuse rivolte ad altri paesi”. Accanto a Siria e Sudan, nel Rapporto si cita anche Cuba, censurata per aver offerto asilo ad ex terroristi della basca Eta.