ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rischio astensionismo elettorale alle europee.

Lettura in corso:

Rischio astensionismo elettorale alle europee.

Dimensioni di testo Aa Aa

Mancano sei settimane alle elezioni per il rinnovo dell’EuroParlamento. La campagna elettorale nei 27 paesi membri non sembra coinvolgere piu di tanto i nostri concittadini. Secondo un sondaggio dell’Istituto Gallup Europa il 66% degli elettori se si votasse adesso sceglierebbe di non recarsi alle urne perchè convinto che il voto non serva davvero a cambiare le cose. Ma per combattere la disaffezione degli elettori di cosa dovrebbero occuparsi i politici? Ecco tre opinioni raccolte per le strade di Bruxelles:

“Il primo problema che andrebbe affrontato è sicuramente la crisi finanziaria l’Europa dovrebbe poi discutere del proprio ruolo sulla scena mondiale questo è un tema prioritario” “Dovrebbe essere piu facile incontrare i rappresentanti di Bruxelles ci dovrebbe essere maggiora comunicazione tra elettori ed eletti” “La crisi finanziaria ed economica, la protezione dell’ambiente, l’educazione..sono tutti temi che toccano da vicino i cittadini europei” Dopo i cittadini ecco l’opinione degli esperti. Politologi, economisti, esponenti politici hanno partecipato ad un dibattito incentrato sulle attese dei cittadini europei e sul gap di comunicazione che frena un’approccio piu partecipato alle vicende politiche comunitarie. Per gli esperti invitati una delle cause della disaffezione registrata tra gli elettori è la tendenza diffusa tra i partiti ad usare la scadenza elettorale europea per fini di politica interna. I primi a non credere alla necessità di un’approccio europeo per risolvere temi politici comuni sarebbero proprio i governi locali che fanno anche poco per informare correttamente i cittadini sulle politiche comunitarie Il professor Starbatty dell’Università di Tubinga ha lanciato un appello in questo senso alle diverse formazioni politiche “Limitarsi a dire che si è a favore dell’Europa non basta. Bisogna impegnarsi a discutere dei problemi dell’Unione Europea. Problemi che non si possono nascondere sotto il tappeto perchè i cittadini vedono che accanto alle cose positive ci sono nodi irrisolti. Bisogno insomma cominciare a discutere di Europa con i cittadini europei. Lamentarsi del disinteresse dell’opinione pubblica per le tematiche europee non serve a niente” Per mobilitare gli elettori distratti e delusi forse è ancora possibile cambiare linguaggio e capire che i problemi si possono affrontare solo guardando cosa succede oltre i propri confini nazionali.