ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crisi, catastrofe umanitaria nei paesi in via di sviluppo

Lettura in corso:

Crisi, catastrofe umanitaria nei paesi in via di sviluppo

Dimensioni di testo Aa Aa

La crisi economica mondiale si è trasformata in catastrofe umanitaria per i paesi in via di sviluppo. A dirlo stavolta non sono Ong o no global, ma la Banca Mondiale e il Fondo Monetario internazionale.

Le due istituzioni finanziarie hanno lanciato l’allarme al termine di una riunione a Washington. Da un lato c‘è il problema dei fondi. Per far fronte alla crisi, il 2 aprile a Londra il G20, che raggruppa i paesi ricchi e quelli emergenti, si era impegnato a triplicare le risorse dell’Fmi portandole a 750 miliardi di dollari. Ma mancano ancora all’appello 150 miliardi. In secondo luogo, sono a rischio i cosiddetti “obiettivi del Millennio”. Nel 2000 erano stati fissati otto obiettivi per ridurre la povertà entro il 2015. Ora, fa sapere la Banca Mondiale, sarà molto difficile rispettare i tempi. La crisi infatti ha già creato oltre 50 milioni di nuovi poveri, in particolare donne e bambini.