ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rischio pandemia, Messico pensa al blocco della capitale

Lettura in corso:

Rischio pandemia, Messico pensa al blocco della capitale

Dimensioni di testo Aa Aa

A Città del Messico l’esercito distribuisce mascherine a tutti, per scongiurare il contagio dell’influenza suina, e con esso, altri morti. Il rischio è quello di una pandemia influenzale umana, dicono le autorità sanitarie internazionali. Per la capitale messicana, una megalopoli di 20 milioni di persone, c‘è l’ipotesi blocco. Nel Paese sono già una ventina i casi di decessi confermati per il virus H1N1 e almeno altri 40 quelli assai sospetti. Oltre mille pazienti potrebbero aver contratto il virus.

Il Presidente messicano Felipe Calderon ha detto che il governo sta prendendo tutte le misure necessarie per affrontare il problema, scoperto dopo che le autorità sanitarie internazionali e i laboratori più prestigiosi hanno esaminato il virus e ne hanno determinato la natura. “Siamo a conoscenza della gravità del problema” – ha aggiunto. Oltre al Messico, è allerta sanitaria in Costa Rica, Nicaragua, Brasile, Peru, Cile e Colombia. Una decina i casi sospetti segnalati negli Stati Uniti. Secondo l’agenzia governativa americana per la salute il nuovo virus sarebbe capace di trasmettersi da uomo a uomo, aumentando i rischi di innescare una pandemia. Il governo messicano ha ordinato la chiusura di scuole, musei, teatri. Restano aperti, per ora, gli aeroporti. L’aspetto allarmante è che il virus ha colpito in prevalenta persone di età compresa tra i 25 e i 45 anni e non bambini e anziani. Sul mercato esiste un vaccino adatto ai suini, ma non all’uomo. Per crearlo potrebbero volerci mesi.