ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Torna in Francia la bimba contesa dai genitori

Lettura in corso:

Torna in Francia la bimba contesa dai genitori

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ rientrata in Francia col padre la piccola Elise, la bambina di 3 anni e mezzo rapita dalla madre il 20 marzo scorso ad Arles e ritrovata in Ungheria. Continua però la querelle giuridica tra i Paesi d’origine dei genitori, Francia e Russia.

Da Mosca, il ministro degli esteri ha giudicato affrettata la decisione dell’Ungheria di riconsegnare la bambina al padre. “E’ un complesso conflitto giuridico – ha detto Sergei Lavrov -, perché le magistrature dei due Paesi hanno preso decisioni opposte. Intendiamo proporre alla Francia consultazioni tra esperti giuridici di entrambe le parti”. Parigi ha accolto, in linea di principio, la proposta. Elise è stata fermata insieme alla madre in un posto di frontiera tra l’Ungheria e l’Ucraina. Secondo le norme vigenti nell’Unione europea, è stata riconsegnata al padre, mentre la madre viene trattenuta in una caserma della polizia ungherese. Sarà probabilmente estradata in Francia dove rischia una pena di 7 anni di carcere. Secondo la giustizia russa, invece, la piccola Elise è affidata alla madre e il padre è diffidato dall’avvicinarla.