ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Seggi aperti in Algeria: Bouteflika verso il terzo mandato

Lettura in corso:

Seggi aperti in Algeria: Bouteflika verso il terzo mandato

Dimensioni di testo Aa Aa

Che sia l’unico candidato alla successione di sè stesso non è in discussione. Il solo interrogativo per Abdelaziz Bouteflika riguarda l’affluenza alle urne per le elezioni presidenziali che oggi sono destinate a conferirgli un terzo mandato.

Votate, anche contro di me ma andate a votare è stato l’appello del Capo di Stato uscente ai circa 20 milioni di elettori. Mentre l’opposizione denuncia l’assenza di un quadro democratico per lo scrutinio e dichiara simbolicamente una giornata di lutto nazionale. “Non andrò a votare. Perchè non mi piace come vanno le cose in Algeria” dice un abitante di Algeri. Ma nel 2004 Bouteflika fu rieletto con l’ottanta cinque per cento dei voti. I suoi sostenitori non mancano: “Voterò Bouteflika: abbiamo imparato a conoscerlo sin dal 1965, io avevo 14 anni, era già in politica. E’ un asso” dice un residente della capitale. “Ha portato la pace nel Paese. Io amo Bouteflika!” afferma un’anziana. Un peso potrebbero averlo i disillusi. L’opposizione li invita a non andare a votare per togliere al Presidente la legittimità che verrebbe da un plebiscito: “Non cambierà nulla, proprio nulla. Il voto è solo per far vedere che in Algeria tutto fila liscio. Io non ci vado a votare. Io boicotto”. Tuttavia la posta in gioco per l’Algeria potrebbe essere persino più alta rispetto ad un voto trasparente: completare un vero processo di riconciliazione nazionale e garantire la sicurezza.