ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Detenuti Guantanamo, Europa divisa sulla loro accoglienza

Lettura in corso:

Detenuti Guantanamo, Europa divisa sulla loro accoglienza

Detenuti Guantanamo, Europa divisa sulla loro accoglienza
Dimensioni di testo Aa Aa

Europa divisa sull’appello degli Stati Uniti ad accogliere gli ex detenuti di Guantanamo. A Lussemburgo il Consiglio dei Ministri della Giustizia e dell’Interno dell’Unione si è sforzato di definire una linea e delle regole comuni per rispondere alla richiesta americana. Ci sono paesi pronti ad accogliere gli ex detenuti, altri disposti a farlo purché venga definito una sorta di ‘ombrello’ europeo e quelli che rifiutano ogni coinvolgimento

“La responsabilità di accogliere o meno un ex detenuto dipende dai singoli stati membri, che sono liberi di dire sì o no” afferma il Commissario europeo alla giustizia Jacques Barrot. Tra i paesi favorevoli: Francia, Portogallo, Spagna, Regno Unito e Italia. Tra i contrari: Austria, Svezia, Olanda, Repubblica Ceca e Polonia. Indecisi Germania, Belgio, Lussemburgo. Alcuni stati temono infatti per la loro sicurezza interna. “Stiamo parlando di una sessantina di persone su cui non pende nessun crimine e che non sono mai state processate per quello che si suppone abbiano fatto” afferma Susi Dennison, di Amnesty International. “Il governo americano aveva detto a molti di loro già anni fa che sarebbero stati liberati. I membri dell’Unione Europea hanno l’obbligo morale di fare il possibile per mettere fine a tutto cio e trovare una soluzione affinché queste persone possano rifarsi una vita” I Ventisette dichiareranno la loro decisione sulla richiesta del Presidente americano, che si è impegnato a chiudere il carcere entro gennaio 2010, nella prossima riunione dei Ministri dell’Interno prevista a inizio giugno.