ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, in migliaia contro l'aborto

Lettura in corso:

Spagna, in migliaia contro l'aborto

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo spagnolo vuole legalizzare l’aborto oltre gli attuali limiti e decine di migliaia di persone dicono no. Lo fanno con una manifestazione pacifica, partita a mezzogiorno dalla sede del ministero dell’uguaglianza, promotore della riforma, e conclusa sulla plaza de Neptuno, nel cuore di Madrid.

L’esecutivo Zapatero intende adeguare la normativa a quella della maggior parte dei Paesi europei, che prevedono l’aborto legale fino al terzo mese di gravidanza. Le voci di alcuni manifestanti: “Siamo sempre stati contro. Crediamo che la vita cominci al momento del concepimento”. “Se non diamo importanza all’eliminazione di un figlio, come potremo prendere sul serio l’assassinio di una persona adulta?” “Il governo ha l’atteggiamento di chi dice: io ho il potere e faccio quello che voglio. Non hanno ascoltato nessuno”. L’attuale normativa spagnola prevede l’aborto solo in caso di stupro, di malformazione dimostrata del feto o di pericolo per la salute fisica e psichica della donna: quest’ultima condizione è evocata nella maggior parte dei casi praticati.