ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Netanyahu promette un dialogo di pace

Lettura in corso:

Netanyahu promette un dialogo di pace

Dimensioni di testo Aa Aa

Formata finalmente la sua variegata coalizione di governo, dai laburisti all’estrema destra, il nuovo premier israeliano Benjamin Netanyahu debutta promettendo un dialogo di pace con i palestinesi:

“Voglio lodare il partito laburista, Ehud Barak e i suoi colleghi per avere fatto qualcosa di importante per il bene nazionale. I palestinesi devono capire che possono trovare nel nostro governo un partner per la pace, la sicurezza e lo sviluppo dell’economia palestinese. Credo che tutto ciò sia possibile”. Il partito laburista di Ehud Barak ha dato il suo via libera alla coalizione ieri, nonostante le profonde lacerazioni interne. Difficile, per i laburisti, accettare di entrare al governo assieme alla destra radicale di Israel Beitenu guidati da Avigdor Lieberman. Ma ormai il patto è stato stretto e dentro ci sono anche gli ultraortodossi dello Shas e un piccolo partito di coloni, il Focolare nazionale ebraico. Rimane decisamente all’opposizione invece il partito di centro Kadima di Tzipi Livni: “C‘è un governo oggi in Israele, un governo concepito con un peccato originale, ma da oggi c‘è anche un alternativa chiara”. Netanyahu dispone ora del sostegno di 66 deputati su 120, dovrebbe dunque avere senza problemi la fiducia per il suo esecutivo quando lo presenterà alla Knesset, la prossima settimana.