ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Falsa pista per il rapimento di Elise

Lettura in corso:

Falsa pista per il rapimento di Elise

Dimensioni di testo Aa Aa

Si è rivelata falsa la pista russa per il rapimento di Elise, la bimba francese di 3 anni e mezzo sottratta al padre venerdì all’uscita di scuola ad Arles. Tutti gli indizi facevano pensare che la madre della bambina, di nazionalità russa, l’avesse sequestrata con l’aiuto di due uomini e poi si fosse imbarcata per Mosca all’aeroporto di Ginevra. E invece… “I russi, all’arrivo a Mosca, hanno controllato le persone che erano state indicate come sospette – dice il padre aggredito – ma non erano loro. Le hanno lasciate andare, anch’io ho visto le foto dei passaporti e non ho riconosciuto nessuno”. Le indagini ripartono dunque da zero. La piccola Elise è al centro di una feroce disputa legale. La bambina è affidata al padre dai giudici francesi e alla madre da quelli russi. Entrambi i genitori hanno ottenuto l’emissione di un mandato di cattura, nei rispettivi Paesi, nei confronti del coniuge. Già nel 2007 Elise venne prelevata dalla madre e portata a Mosca, dove il padre andò a riprenderla l’anno scorso.