ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Napoli: 150 mila contro le mafie

Lettura in corso:

Napoli: 150 mila contro le mafie

Dimensioni di testo Aa Aa

In 150 mila hanno sfilato sul lungomare di Napoli per dire no alle mafie. La quattrodicesima giornata della memoria ha radunato partecipanti da trenta paesi del mondo. Due chilometri e mezzo di corteo cadenzati dalla lettura dei nomi di 900 vittime della criminalità organizzata, da Anna Politovskaia ai sei immigrati africani uccisi a Castelvolturno.

Una lista conclusa a sorpresa dallo scrittore Roberto Saviano. Accanto a lui tanti familiari di vittime sconosciute: “Vedete tutti questi giovani, sono tutti nostri nipoti, sono il futuro d’Italia, non dobbiamo mollare”. La manifestazione fa parte di una tre giorni organizzata dall’associazione Libera di Don Luigi Ciotti che ribadisce la necessità di piú parole e meno fatti”. “Questa giornata ha senso solo se ci diamo da fare 365 giorni all’anno”. Impegnarsi per la memoria non è né stupido né inutile, ha detto la figlia di Silvia Ruotolo, la giovane mamma uccisa dalla camorra mentre accompagnava i bambini a scuola, mentre a piú voci si ritorna insistentemente a parlare di giustizia efficiente e certezza della pena.