ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sciopero generale: 200 cortei in tutto il Paese

Lettura in corso:

Sciopero generale: 200 cortei in tutto il Paese

Dimensioni di testo Aa Aa

Dalle 20 di ieri sera la Francia ha iniziato a fermarsi per un nuovo sciopero generale che culmina oggi. Il settore pubblico protesta contro la gestione della crisi del governo Sarkozy. L’agitazione riguarda il traffico ferroviario, aereo, degli autobus, ma anche scuole e uffici pubblici. A meno di due mesi dall’ultimo sciopero generale, i lavoratori porteranno in piazza la loro rabbia contro un costo della vita sempre più alto e una disoccupazione crescente nella seconda economia europea, con sempre più fabbriche che cessano l’attività.

Come, ad esempio, una di pneumatici nel nord del Paese, i cui lavoratori hanno reagito con rabbia alla notizia della chiusura del loro stabilimento. Il governo ha varato un piano di rilancio da ventisei miliardi di euro e dopo lo sciopero del 29 gennaio ha promesso quasi tre miliardi di euro supplementari per sostenere le famigile in difficoltà. I sondaggi dicono che il 75 per cento degli elettori sono favorevoli all’agitazione di oggi. Il 29 gennaio in piazza erano scesi due milioni e mezzo di persone. I sindacati puntano a superare quella cifra, con oltre duecento cortei organizzati in tutta la Francia.