ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Francia si prepara al giovedì nero

Lettura in corso:

La Francia si prepara al giovedì nero

Dimensioni di testo Aa Aa

domani forte mobilitazione in tutti i settori pubblici e privati, dai trasporti alle scuole, dagli uffici postali agli ospedali. L’agitazione nel settore dei trasporti comincia già mercoledì sera alle 22. Lo sciopero generale è stato indetto dai sindacati per reagire alla crisi economica e per chiedere misure supplementari al governo.

In un clima sempre più teso in cui si moltiplicano i licenziamenti e le chiusure degli stabilimenti, il rischio che la protesta sfoci in episodi di violenza è più che mai reale. A offendere i francesi è soprattutto il divario che vedono allargarsi tra i ricchi e i poveri nel Paese. Rene Valladon, un sindacalista, avverte: “Il governo farebbe un errore a prendere sottogamba la rabbia inespressa. La violenza non ha ancora fatto la sua comparsa, ma è lì, è palpabile. Il governo deve dar prova di comprensione e non attenersi ai dogni di promesse elettorali, oramai superate dai fatti,spazzate via dalla crisi”. Giovedì con oltre 200 manifestazioni organizzate in tutta la Francia ci si attende una partecipazione per lo meno uguale a quella del 29 gennaio, quando scesero in piazza tra un milione e due milioni e mezzo di persone.