ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sicurezza marittima

Lettura in corso:

Sicurezza marittima

Dimensioni di testo Aa Aa

Più controlli, responsabilità definite in modo più chiaro, maggiore tutela dei consumatori: il Parlamento europeo ha approvato in terza lettura il pacchetto “Erika tre”, costituito da otto norme che intervengono a vario titolo sul tema della sicurezza marittima.

A cominciare dai passeggeri, che ottengono maggiori tutele. La norma stabilisce risarcimento fino a quasi 2600 euro per ogni bagaglio smarrito o danneggiato, mentre il ferimento o decesso di un passeggero sarà risarcito con un massimo di circa 290.000 euro, che diventano 460.000 se c‘è una chiara colpa o negligenza dell’operatore marittimo. Naturalmente, ogni compagnia è assicurata, o almeno dovrebbe esserlo: ne dovrà essere fornita prova alle autorità europee. La norma prevede anche un aumento delle ispezioni a bordo, per verificare le condizioni dell’imbarcazione. e le navi che non corrispondono ai requisiti potranno essere bandite dalle acque territoriali e dai porti europei. Vengono riviste anche le modalità delle inchieste in caso di disastro, come quello dell’erika, da cui prende nome il pacchetto legislativo che entrerà in vigore progressivamente a partire dal 2011.