ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ubs, Kurer lascia la presidenza all'ex ministro Villiger


economia

Ubs, Kurer lascia la presidenza all'ex ministro Villiger

Dopo l’amministratore delegato, è ora il presidente di Ubs a fare le valige, chiudendo una stagione disastrosa per la prima banca svizzera.

Peter Kurer si dimette e lascia il posto all’ex ministro delle finanze Kaspar Villiger, che avrà il compito di risanare conti e reputazione dell’istituto. “La posta in gioco è alta – ha detto Villiger – se una banca come la nostra dovesse crollare, tremerebbe tutta la confederazione: a pagare sarebbero migliaia di dipendenti e tutti i contribuenti”. Nella gestione Kurer, durata meno di un anno, le azioni Ubs hanno perso quasi il 70% del loro valore e il gruppo ha chiuso il 2008 con un deficit di oltre 13 miliardi di euro. Ma a bruciare è soprattutto l’inchiesta per frode fiscale avviata negli Stati Uniti, che ha costretto Ubs, sotto la minaccia di una denuncia, a violare il segreto bancario di 300 suoi clienti americani. Il mercato ha accolto positivamente l’avvicendamento, come già una settimana fa per l’arrivo di Oswald Gruebel alla carica di amministratore delegato.
Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

economia

Bernanke: più stabilità al mercato finanziario