ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sudan, mandato di cattura per Bashir

Lettura in corso:

Sudan, mandato di cattura per Bashir

Dimensioni di testo Aa Aa

Mandato di cattura per il presidente del Sudan Omar Hassan al-Bashir. Lo ha emesso la Corte Penale Internazionale con l’accusa di crimini di guerra e contro l’umanità nel Darfur. Il Procuratore della Corte dell’Aja imputa a Bashir l’avere orchestrato una campagna nella regione sudanese a partire dal 2003, che ha portato direttamente o indirettamente, alla morte di almeno 135 mila persone.

“Se il governo del Sudan non esegue il mandato di cattura – ha detto il Procuratore Luis Moreno-Ocampo -, il Consiglio di sicurezza dell’Onu dovrà assicurarne l’esecuzione. Il Sudan non può mettersi contro il Consiglio di sicurezza né contro la Corte Penale internazionale. In ogni caso, non appena Omar al-Bashir si mette in viaggio e si trova nello spazio aereo internazionale, il suo aereo potrà essere intercettato per poter arrestare il presidente”. L’emissione del mandato di cattura è destinata a sollevare clamore e proteste in Sudan e potrebbe ostacolare gli sforzi internazionali per giungere alla pacificazione del Paese. Il conflitto del Darfur si scatenò quando ribelli scesero in armi contro il governo centrale. Karthoum reagì mobilitando milizie arabe per reprimere la rivolta. Secondo l’Onu, il conflitto ha provocato 300 mila morti e 2,7 milioni di profughi.