ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, aperto il secondo processo contro Khodorkovski

Lettura in corso:

Russia, aperto il secondo processo contro Khodorkovski

Dimensioni di testo Aa Aa

Deve rispondere di distrazione di fondi e riciclaggio, un’accusa per cui rischia altri 22 anni di prigione. Il secondo processo a carico di Mikhail Khodorkovski e del suo ex socio in affari, Platon Lebedev, si è aperto in un Tribunale di Mosca.

Quello che un tempo era l’uomo più ricco della Russia ha già scontato la metà di una condanna a otto anni di prigione, per approriazione indebita ed evasione fiscale. Due processi politici, accusano i suoi avvocati, secondo i quali l’unica colpa di Khodorkovski è di aver ostacolato l’ascesa al potere di Putin. Che in aula non si discuta soltanto la sorte di un uomo appare chiaro già per quello che avviene fuori: almeno dieci persone arrestate perché manifestavano in favore di Khodorkovsky. “E’ un uomo che avrebbe potuto fare molto per questo paese, invece lo tengono in prigione. Cose come questa possono capitare solo sotto un regime, stiamo assistendo alla vendetta di Putin”. “Dovrebbe essere rilasciato. Non è l’unico colpevole e non è peggiore di tanti altri, anzi in qualche modo è migliore di altri”. Khodorkovsky è arrestato nel 2003 dai servizi segreti e trasferito in Siberia. Yukos, il suo impero fondato sul petrolio, viene smembrato e infine assorbito dal gruppo di stato Rosneft. Per il presidente Dmitry Medvedev, che si è impegnato a migliorare l’immagine della Russia di fronte agli investitori stranieri, il processo Khodorkovsky potrebbe essere il momento della verità.