ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Paese Basco spagnolo, la fine del governo nazionalista

Lettura in corso:

Paese Basco spagnolo, la fine del governo nazionalista

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Paese Basco spagnolo senza i nazionalisti baschi al governo. Le elezioni nella regione autonoma danno a Juan José Ibarretxe la vittoria matematica ma la sconfitta politica. I socialisti di Patxi Lopez, seppure meno votati, hanno i numeri per formare un governo:

“Non rinuncio al desiderio di presentare la mia candidatura” dice Lopez “e a cercare il supporto necessario per guidare il prossimo governo basco”. Il Partito Nazionalista Basco di Ibarretxe vede la fine di un regno durato 30 anni. Una sconfitta che era nell’aria ma che arriva comunque come una doccia fredda. Il Pnv è comunque il partito più votato: “Abbiamo vinto le elezioni, mi pare abbastanza per festeggiare” ha detto Ibarretxe.. Trenta seggi sui 75 del parlamento basco, sommati a quelli degli altri 3 partiti nazionalisti: 37 seggi. Uno in meno della probabile coalizione fra socialisti, popolari più il piccolo partito riformatore Udyp che ha ottenuto un seggio chiave. Potrebbe essere la svolta per la regione autonoma. Ma anche una importante vittoria simbolica a livello nazionale, con la prospettiva della coalizione fra Psoe e Pp. Un risultato, quello dei popolari, che giova tra l’altro a Mariano Rajoy alle prese con una serie di scandali.