ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al voto la Galizia e le province basche

Lettura in corso:

Al voto la Galizia e le province basche

Dimensioni di testo Aa Aa

Le operazioni di voto in Spagna per il rinnovo dei parlamenti regionali sono iniziate questa mattina alle nove. In gioco gli equilibri politici delle due comunità autonome: la Galizia e i Paesi Baschi.

La recessione economica e lo scandalo di tangenti che ha colpito il Partito popolare ha visto scendere in campagna elettorale il premier socialista Zapatero e il leader dell’opposizione Rajoy. Gli esiti elettorali si giocano sul filo del rasoio. Nelle province basche la rimonta dei socialisti potrebbe compromettere la leadership incontrastata del partito nazionale basco di Ibarretxe, al potere da tre mandati. I socialisti di Lopez potrebbero essere l’ago della bilancia di una possibilie alleanza. Ma la novità assoluta per la regione è l’uscita di scena dei partiti legati all’Eta. Esclusi dalle liste, perchè considerati illegali, gli eredi di Batasuna si sono ribellati e hanno chiesto l’annullamento delle elezioni. L’allerta per il rischio attentati dell’Eta, intanto, resta alta in tutto il paese. In Galizia la partita si gioca tra il partito pololare di Rajoy, secondo i sondaggi in netta rimonta, e la coalizione uscente socialista-nazionalista del govenatore Tourino. Solo una maggioranza assoluta, tuttavia, potrebbe riportare al potere il partito popolare, da sempre grande vincitore della regione. Una sconfitta in Galizia per il Pp sarebbe uno smacco che Rajoy non potrebbe permettersi. L’esito, in entrambe le regioni, è importante anche per Zapatero, l’immagine del governo potrebbe uscirne indebolita.