ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama presenta il primo budget

Lettura in corso:

Obama presenta il primo budget

Dimensioni di testo Aa Aa

La nuova era della responsabilità promessa da Obama inizia da qui. Dalle oltre 130 pagine della bozza di bilancio per l’esercizio 2010. Con voci di spesa che devono non solo rilanciare, ma cambiare l’economia americana, il budget ammonta a oltre 3.500 miliardi di dollari. Circa 1.170 miliardi di dollari il deficit previsto, pari al 12,3 per cento del Pil. Un record dalla Seconda Guerra Mondiale, da dimezzare, però, entro il 2013.

Obama ha illustrato il suo progetto: “Nessuna voce del mio bilancio sarà esente da verifiche o riforme – ha detto il Presidente. Metteremo fine a certi tipi di contratto che hanno fatto sprecare miliardi in Iraq. Diremo basta agli sgravi fiscali alle aziende che delocalizzano. Risparmieremo miliardi di dollari eliminando i vantaggi fiscali per i più ricchi, a favore del 95 per cento delle famiglie di lavoratori”. Ma le mosse alla Robin Hood di Obama non piacciono ai repubblicani, che storcono il naso, tra le altre cose, proprio all’idea ottenere dai ricchi una parte dei soldi per finanziare l’aumento della copertura sanitaria. Costo totale stimato: 630 miliardi di dollari. John Boehner, Leader della minoranza repubblicana al Senato ha sottolineato che: “Aumentare le tasse nel mezzo di una recessione economica, specialmente sulle piccole imprese, non è il modo per raggiungere quell’obiettivo. Dunque siamo davvero preoccupati per il suo piano”. Più soldi per la sanità, per la pubblica istruzione, per la protezione dell’ambiente – oltre il trenta per cento in più. Sostegno ai disoccupati e quattro milioni di posti di lavoro. Obama lo aveva promesso in campagna elettorale e intende andare avanti. E poi la spesa militare, che dovrebbe restare sostanzialmente invariata. Il taglio del contingente in Iraq, sarà infatti compensato dall’aumento della presenza in Afghanistan. Il testo definitivo del bilancio arriverà ad aprile. E il Congresso dovrà dire la sua.