ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania, cassiera licenziata perché accusata di aver sottratto due buoni-acquisto

Lettura in corso:

Germania, cassiera licenziata perché accusata di aver sottratto due buoni-acquisto

Dimensioni di testo Aa Aa

Un euro e 30 centesimi. Per così poco una cassiera in Germania ha perso il posto di lavoro. I giudici hanno confermato il licenziamento della donna, che l’anno scorso era stata accusata di aver rubato due buoni-acquisto. Barbara E. era stata licenziata in tronco nel gennaio del 2008 per avere raccolto dal bancone i buoni che un cliente aveva ricevuto in cambio di vuoti di bottiglia e aveva dimenticato nel supermercato.

“Tocca a me dimostrare che non è vero, che non li ho presi”, ha detto in lacrime la donna, che da 31 anni lavorava nella catena di supermercati Kaiser. In Germania esiste una legge che permette di licenziare per un forte sospetto. Il tribunale del lavoro di Berlino-Brandeburgo ha confermato la decisione, sostenendo che il furto ha comportato “una perdita di fiducia irreparabile” tra il dipendente e il datore di lavoro. Poco tempo prima, Barbara E aveva portato avanti una protesta sindacale per rivendicare migliori condizioni di lavoro. Molte colleghe hanno manifestato in suo sostegno.