ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Progetti energetici Ue: i 27 divisi

Lettura in corso:

Progetti energetici Ue: i 27 divisi

Dimensioni di testo Aa Aa

Permangono perplessità e differenze tra i 27 sulla lista di progetti energetici proposta dalla Commissione europea.

In vista del Consiglio europeo del 19 marzo, i ministri degli Esteri si sono incontrati a Bruxelles per discuterne. Spagna e Germania hanno espresso riserve. Il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier ha commentato: “Non è l’ultima riunione generale prima del consiglio, penso che per quella data avremo degli accordi di principio, ma sull’attuale lista di progetti bisogna ancora discutere”. L’Italia ha accolto invece con favore le modifiche perché includono due nuovi progetti italiani portando il contributo in favore del paese a 420 milioni. I progetti che riguardano soprattutto il settore energetico dovrebbero essere finanziari con 3,75 miliardi di euro di fondi europei non spesi, su un totale di 5 miliardi di euro, nell’ambito delle azioni individuate per il rilancio economico. L’occasione è stata colta al volo da Francia e repubblica Ceca per fare pace. Il ministro degli Esteri ceco,Karel Schwarzenberg, e il suo omologo francese Bernard Kouchner, si sono presentati davanti ai giornalisti mettendo a tacere le polemiche tra Parigi e Praga in questi primi due mesi di presidenza ceca. Il presidente francese Nicolas Sarkozy aveva accusato Praga di non aver reagito a livelo europeo alla crisi finanziaria e economica.