ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

GB, il predicatore Qatada dovrà essere risarcito da Londra

Lettura in corso:

GB, il predicatore Qatada dovrà essere risarcito da Londra

Dimensioni di testo Aa Aa

Duemila ottocento euro di risarcimento per essere stato incarcerato senza regolare processo. Tanto riceverà Abu Qatada, il predicatore islamico integralista, un tempo considerato la voce di al Qaida in Europa.

La Corte Europea di Giustizia ha riconosciuto infatti che il governo britannico ha violato la convezione sui diritti umani nel caso di Qatada e di altre 9 persone: 6 cittadini giordani, un tunisino, un palestinese. Erano finiti in carcere a causa delle leggi speciali contro il terrorismo introdotte dopo l’11 settembre 2001. Hanno trascorso in prigione un periodo tra i due e i tre anni perchè sospettati di essere legati ad un gruppo vicino ad al Qaida. Il verdetto dei giudici giunge all’indomani di un’altra sentenza sul caso Qatada: il via libera definitivo all’estradizione del predicatore in Giordania, dove è stato condannato in contumacia per reati legati al terrorismo. Una sentenza che ribalta quella della Corte d’Appello di Londra dell’anno scorso. Sentenza che, al di là delle questioni di sicurezza nazionale, aveva valutato il rischio che il detenuto subisse abusi e torture in Giordania.