ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hugo Chavez, il Bolivar del XXI secolo?

Lettura in corso:

Hugo Chavez, il Bolivar del XXI secolo?

Dimensioni di testo Aa Aa

Hugo Chavez realizza dunque un sogno. Ci aveva provato nel 2007 ma gli era andata male. Questa volta il popolo, il suo “pueblo”, l’ha accontentato: potrà essere rieletto alla presidenza a vita.

Ex militare paracadutista, ex golpista, ex detenuto, arriva alla presidenza attraverso elezioni democratiche, nel 1998. Due anni dopo la rielezione. L’opposizione è esasperata. Tentativo nel 2002 di colpo di stato per rovesciarlo. Fallito – si annuncia la sua caduta, lo sostituiscono ma l’indomani ritorna portato in trionfo dai suoi. E’ solo l’inizio dell’era Chavez: nel 2006 è stata prolungata di sei anni, oggi nessuno sa quando si concluderà. La visione politica e ideologica di Chavez ha come riferimento principale la figura di Simon Bolivar e la sua rivoluzione. Ridistribuzione delle ricchezze, nazionalizzazione di interi settori dell’economia, finanziamento di programmi sociali per i piu’ poveri. I risultati ci sono: in dieci anni analfabetismo, povertà, fame si sono notevolmente ridimensionati. Ma economia e crescita venezuelana si basano in buona parte sul petrolio, che rappresenta il 90% delle esportazioni, e il 50% delle entrate. L’‘opposizione denuncia da tempo la corruzione che minerebbe il settore. Altro male endemico al Venezuela la violenza, e l’inflazione – sono alcune delle responsabilità che l’opposizione imputa al Presidente, opposizione in grado di portare in strada migliaia di anti Chavez. Chi sfila per lui, chi ne segue le gesta televisive nei programmi fiume a lui dedicati, ne condivide la causa no-global e la retorica anti americana. Con Bush Chavez non ha risparmiato insulti e battute. Come in questo intervento all’Onu, un paio d’anni fa. “Ieri è stato qui il demonio. Proprio qui, e c‘è ancora odore di zolfo.” Chavez nemico di Washington e amico dei suoi nemici. La complicità con Fidel Castro è leggendaria, ne è il figlio spirituale, si dice. Adesso gli oppositori temono che in Venezuela si preannunci un lungo regno in stile cubano.