ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Venezuela, il referendum dice sì a Chavez

Lettura in corso:

Venezuela, il referendum dice sì a Chavez

Dimensioni di testo Aa Aa

Hugo Chavez canta vittoria perché il Venezuela gli ha detto “sì”. “Sì” alla modifica costituzionale, approvata dal referendum popolare, che abolisce il limite di due mandati consecutivi per la presidenza della Repubblica. Ciò che gli consentirà, a lui che è al potere da 10 anni, di ripresentarsi alle elezioni del 2012 e per altri mandati ancora, se lo vorrà.

“La vittoria di oggi – ha detto – è la vittoria di tutto il Venezuela. Anche di coloro che hanno votato no. Anche se costoro non accettano la sconfitta e non comprendono che è una vittoria del Paese. Anche loro fanno parte del Venezuela”. Oltre il 54 per cento dell’elettorato ha votato sì. L’astensionismo è stato inferiore a quello del 2007, quando un analogo referendum aveva visto prevalere il “no” alla riforma costituzionale. Così come per le altre consultazioni di questi ultimi anni, il Paese si è presentato al voto polarizzato su due blocchi contrapposti. Per l’opposizione, l’esito del referendum rischia di perpetuare il potere di un capo di Stato giudicato intollerante e anti-democratico. Il limite dei due mandati è stato tolto anche per parlamentari, governatori, sindaci e consiglieri municipali.