ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Decine di arresti nelle manifestazioni pro-Ocalan


Turchia

Decine di arresti nelle manifestazioni pro-Ocalan

Scontri e arresti, in Turchia, hanno segnato il decimo anniversario dell’arresto di Abdullah Ocalan. Migliaia di curdi sono scesi nelle strade per protestare contro la detenzione del leader del Partito dei lavoratori del Kurdistan a Diyarbakir e in altre città del sud-est a maggioranza curda.

Secondo fonti ufficiali sono almeno otto i manifestanti rimasti feriti negli scontri e 17 i poliziotti. 86 gli arresti. I manifestanti hanno scagliato pietre contro gli agenti, e la polizia ha usato idranti e lacrimogeni per disperdere la folla. Erano circa 2.500 le persone che si erano radunate di fronte alla sede del Partito della società democratica, l’unica formazione politica curda riconosciuta legalmente in Turchia e rappresentata in parlamento. Ieri fra i 10 e i 20 mila curdi hanno gridato “libertà” per Ocalan di fronte alla Corte europea dei diritti umani a Strasburgo. Il leader del Pkk, in isolamento da dieci anni, lamenta sempre più gravi problemi di salute.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Iraq