ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Partito Popolare nella bufera, Rajoy si difende


Spagna

Partito Popolare nella bufera, Rajoy si difende

La politica spagnola sempre più nella tormenta. Alle grane del governo per via della crisi economica, ora si aggiungono i guai crescenti dell’opposizione. Il Partito Popolare perde terreno, tra accuse di corruzione e trame di spionaggio interno. A meno di tre settimane da cruciali elezioni nel Paese Basco e in Galizia.

Sulla difensiva il leader del partito Mariano Rajoy ha parlato di complotto contro il Partito Popolare. Rajoy – che secondo alcuni analisti rischia grosso a causa di queste vicende – ha chiesto la ricusazione del giudice Baltasar Garzon. Considerato vicino ai socialisti, ha incriminato – per presunta corruzione -una quarantina di persone, per lo più imprenditori ritenuti vicini al PP e due dirigenti locali. A tutto ciò si aggiunge lo scandalo legato al presunto spionaggio di esponenti di correnti rivali nel partito che sarebbe stato attuato da servizi della regione di Madrid presieduta dalla popolare Esperanza Aguirre. Chi ne sta traendo vantaggio sono i socialisti, in vista delle elezioni regionali e dell’appuntamento di giugno con le europee. Secondo gli ultimi sondaggi, il partito di Zapatero avrebbe tra i quattro e i sette punti percentuali di vantaggio. Nonostante la recessione e un tasso di disoccupazione che si avvicina al 14 per cento.