ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Polemiche in Italia dopo la morte di Eluana. Berlusconi accusa: "Non è morta naturalmente"

Lettura in corso:

Polemiche in Italia dopo la morte di Eluana. Berlusconi accusa: "Non è morta naturalmente"

Dimensioni di testo Aa Aa

Le laceranti polemiche seguite alla morte di Luana Englaro, si sono stanotte materializzate davanti alla clinica di Udine dove la ragazza, da 17 anni in coma, è morta dopo quattro giorni dalla sospensione dell’idratazione forzata.

Qui si è assistito a uno scontro quasi fisico tra i sostenitori del diritto a non subire accanimento terapeutico e chi accusa i primi di aver agito per uccidere Eluana. A rincarare la dose anche il premier Silvio Berlusconi, che si dice convinto che la ragazza non sia morta di morte naturale, ma sia stata uccisa. Una posizione condivisa da una parte del centrodestra, ma che l’opposizione liquida come un volgare tentativo di strumentalizzazione delle emozioni sollevate dalla intera vicenda. E mentre il caso, ipermediatizzato, continua a infiammare gli animi di migliaia di persone, le accuse di aver in qualche modo accellerato il decesso di Eluana in modo che avvenisse prima dell’approvazione della legge che vieta la sospensione dell’idratazione, arrivano in procura. Per pomeriggio è previsto un vertice dei pubblici ministeri, prima dell’inizio della autopsia sul corpo della donna. Dalla clinica udinese, intanto, i vertici rompono il riserbo per dire di non essere affatto pentiti di aver dato una risposta civile al dramma della famiglia Englaro.