ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele al voto. Previsto testa a testa Livni-Netanyahu

Lettura in corso:

Israele al voto. Previsto testa a testa Livni-Netanyahu

Dimensioni di testo Aa Aa

Urne aperte in Israele dove si vota per il rinnovo anticipato della Knesset. Buone, secondo gli ultimi sondaggi, le prospettive di Tzipi Livni, ministro degli Esteri uscente e leader dei centristi di Kadima. Ultimo sostegno ricevuto, in ordine di tempo, quello del quotidiano progressista Haaretz, motivato con l’intenzione della Livni di non liquidare il processo di pace coi palestinesi.

Esattamente per opposti motivi, l’elettorato moderato e conservatore potrebbe preferire Benjamin Netanyahu, esponente del Likud noto per le sue posizioni oltranziste e ostili alle trattative con gli arabi. Buone per gli osservatori anche le sue chanche di farcela. Poche le attese per i laburisti del ministro della Difesa Ehud Barack. Un tempo primo partito, il laburista si avvia al ruolo di quarta forza, che tuttavia potrebbe condizionare gli scenari nel caso molto probabile di un governo di coalizione. Sorprese infine, secondo i sondaggi e gli esperti, potrebbero arrivare dai risultati dell’ultradestra di Avigdor Liebermann, teorizzatore di una separazione definitiva dai palestinesi. L’ex buttafuori in Moldova ed ex ministro delle infrastrutture risulterebbe in testa alle preferenze dei giovani. Attesa infine anche per il risultato dei piccoli partiti religiosi, altre volte in passato decisivi per la maggioranza parlamentare. Secondo i sondaggi gli indecisi in questa battaglia che si annuncia molto serrata, sarebbero il 15 per cento degli elettori.