ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Svizzera vota sulla libera circolazione delle persone provenienti dall'UE

Lettura in corso:

La Svizzera vota sulla libera circolazione delle persone provenienti dall'UE

La Svizzera vota sulla libera circolazione delle persone provenienti dall'UE
Dimensioni di testo Aa Aa

La Svizzera vota oggi un referendum cruciale per i rapporti con l’Unione Europea. Gli elettori sono chiamati a esprimersi sul rinnovo dell’accordo sull’apertura del mercato del lavoro interno ai cittadini dell’Unione, compresi gli ultimi arrivati di Romania e Bulgaria. In gioco c‘è l’impianto delle intese bilaterali tra Berna e Bruxelles e per questo gli attori dell’economia elvetica hanno fatto campagna per il sì. La destra nazional-conservatrice ha invece perorato per il no, facendo leva sulla paura dell’invasione dall’est.

L’economia della Confederazione è legata a doppio filo a quella dei vicini europei. Due terzi delle esportazioni svizzere prendono la via dell’Europa, mentre un prodotto importato su 6 proviene dall’Unione. Parecchi settori hanno tratto giovamento dall’arrivo di immigrati pronti a lavorare in campi che attirano poco gli svizzeri, come quello delle costruzioni, dei servizi alla persona, della sanità, o dell’agricoltura. Una vittoria del no, dicono i difensori del sì, sancirebbe la fine della libera circolazione delle persone, ma anche delle merci, con gravi ripercussioni sulla bilancia commerciale. I paladini del no agitano invece lo spettro della disoccupazione, nel momento in cui anche la Svizzera è in piena crisi.