ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dopo la liberazione, Lopez: scambio di prigionieri con le FARC

Lettura in corso:

Dopo la liberazione, Lopez: scambio di prigionieri con le FARC

Dimensioni di testo Aa Aa

Ha passato 7 anni nella selva colombiana, l’ex parlamentare Sigifredo Lopez ha ritrovato la libertà ieri sera. Era l’ultimo politico ostaggio delle Farc. Subito dopo il suo arrivo a Cali, parlando con i giornalisti, Lopez si è detto a favore del dialogo nazionale con le Forze Armate Rivoluzionarie Colombiane, per mettere fine a quarant’anni di conflitto. Una scelta che prevede l’opzione scambio di prigionieri che il presidente colombiano Alvaro Uribe non vuole: “Dobbiamo dire, signor Presidente – ha detto Lopez – Che è necessario fare questo scambio adesso, non porvi ostacoli, ci sono stati già troppi dolori e sofferenze”.

Lopez è l’unico sopravvissuto a un incidente armato mai chiarito, avvenuto nel 2007, in cui persero la vita altri 11 deputati rapiti insieme a lui 5 anni prima: “Quello che è stato fatto ai miei compagni, lo confesso, non lo potrò mai perdonare”. Negli ultimi giorni le FARC hanno liberato in modo unilaterale 6 prigionieri. Nelle loro mani ci sarebbero ancora almeno 22 ostaggi, poliziotti o militari, che potrebbero essere oggetto di uno scambio con guerriglieri incarcerati, ma il governo Uribe ha sempre osteggiato questa soluzione.