ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kirill I si insedia come Patriarca di Mosca e di tutte le Russie

Lettura in corso:

Kirill I si insedia come Patriarca di Mosca e di tutte le Russie

Dimensioni di testo Aa Aa

La Chiesa ortodossa russa ha una nuova guida. Kirill I è il sedicesimo patriarca di Mosca e di tutte le Russie, dopo la cerimonia di intronizzazione che si è svolta nella Chiesa di Cristo Salvatore a Mosca.

Come prevede il rito è stato fatto sedere sul trono tre volte, davanti a 4000 persone, ortodossi ma anche rappresentanti di altre confessioni. Tra i presenti il premier Vladimir Putin, il presidente Dimitri Medvedev e la vedova dell’ex presidente Boris Eltsin. Kirill I, al secolo Vladimir Gundyaev, è consideratore un modernizzatore, per la sua opera di riavvicinamento tra gli ortodossi e il dialogo col Vaticano quando era ministro degli Esteri della chiesa ortodossa russa. Un impegno che gli ha attirato le critiche di eccessivo ecumenismo da parte dell’ala conservatrice. Nel suo primo discorso ha anche fatto riferimento ai rapporti con il potere politico: “E’ nel quadro del dialogo cordiale e della cooperazione e sulla base della Costituzione, che si devono sviluppare le relazioni tra la Chiesa e lo Stato, per il bene dello Stato, della Chiesa e del popolo”. Separati secondo la Costituzione, Chiesa e Stato russi sono stati sempre strettamente legati. Il suo predecessore, morto lo scorso dicembre, Alessio II, era in ottimi rapporti con Putin e ne ha approvato i principali atti di politica internazionale. Kirill ha visto tre volte Benedetto XVI. C‘è chi pensa che sarà lui il patriarca dello storico incontro col pontefice.