ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Duemilaotto: record di violazioni dei diritti umani

Lettura in corso:

Duemilaotto: record di violazioni dei diritti umani

Dimensioni di testo Aa Aa

Il duemilaotto è stato un anno record per la Corte europea dei diritti dell’Uomo. Si calcola infatti che siano state presentate il venti per cento in piu’ delle denunce rispetto all’anno precedente.

La crescita esponenziale delle richieste di intervento è in gran parte legate al conflitto russo-georgiano intorno alle regioni indipendentiste dell’Abkazia ed Ossezia del Sud. Dall’agosto del duemilaotto sono infatti giunte alla corte europea dei diritti dell’uomo circa tremilatrecento denunce contro la Georgia da parte di soldati russi e di abitanti dell’Ossezia del Sud. L’anno scorso sono state in tutto cinquantamila le richieste di intervento. In particolare provenienti da Russia, Turchia, Romania e Ucraina. La pubblicazione di queste cifre non è piaciuta a Mosca che lamenta di essere vittima di una politicizzazione dei dati, numeri non verificati dalle proprie autorità, dice. La Russia esprime secondo alcuni una certa irritazione per le continue richieste della Corte di ratificare il “protocollo quattordici” della Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo che permetterebbe di accellerare gli accertamenti.