ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Boliviani al voto per la nuova costituzione

Lettura in corso:

Boliviani al voto per la nuova costituzione

Dimensioni di testo Aa Aa

I boliviani stanno per dire sì a un paese con più potere agli indigeni, più autonomia alle regioni e più Stato nell’economia.

Sembra scontato il risultato del referendum sulla nuova costituzione voluta da Evo Morales. Per ottenere il sì dell’opposizione in Senato, il primo presidente indigeno della Bolivia ha dovuto tra l’altro rinunciare a un eventuale terzo mandato nel 2014. “Questa nuova costituzione dello Stato boliviano – ha detto Morales – vuole dare a tutti le stesse opportunità, gli stessi diritti e gli stessi doveri. E non ci devono essere discriminazioni”. L’opposizione è divisa. Se una parte ha accettato il compromesso studiato in oltre due anni di discussioni, c‘è chi teme che la nuova costituzione darebbe troppo potere a Morales e alla sinistra. Oscar Oritz è capogruppo al Senato del partito Podemos: “I gruppi al potere come quello di Evo Morales otterrebbero un controllo sul Congresso in modo artificiale, e anche sulla magistratura e sui tribunali elettorali”. Gli indigeni costituiscono circa il 60 per cento della popolazione boliviana, ma molti si sentono discriminati. Non c‘è da sorprendersi quindi che i sondaggi diano al 55 per cento il sì alla bozza costituzionale.