ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mitchell e Holbrooke inviati Usa in Medio Oriente e Afghanistan

Lettura in corso:

Mitchell e Holbrooke inviati Usa in Medio Oriente e Afghanistan

Dimensioni di testo Aa Aa

Se ha potuto fare la pace in Irlanda del Nord, nessuno più di lui ha qualche chance per far tacere le armi fra israeliani e palestinesi. È con questa speranza che il mondo guarda a George Mitchell, 75 anni, nuovo inviato speciale Usa in Medio Oriente.

Subito dopo la nomina annunciata dalla Clinton, Mitchell, forte dei suoi successi, ha ostentato ottimismo: “La mia esperienza in Irlanda del Nord mi ha insegnato che non esistono conflitti interminabili. I conflitti sono creati, diretti e alimentati dagli esseri umani. E possono essere terminati dagli esseri umani”. Altro nome di spicco per un’altra zona calda, Richard Holbrooke, 68 anni, è stato nominato “rappresentante speciale per l’Afghanistan e il Pakistan”. “Mettendo Afghanistan e Pakistan sotto l’ombrello di un solo inviato – ha detto -, dovremmo sottolineare il nostro assoluto rispetto del fatto che il Pakistan ha la sua storia, le sue tradizioni, ed è qualcosa di molto più vasto che non le sole pericolose zone tribali sul confine occidentale”. Holbrooke, artefice degli accordi di Dayton che nel 1995 misero fine alla guerra in Bosnia, si è pronunciato a favore di accordi regionali che coinvolgano i paesi vicini dell’Afghanistan per una soluzione del conflitto.