ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lampedusa, proteste contro il nuovo centro di espulsione

Lettura in corso:

Lampedusa, proteste contro il nuovo centro di espulsione

Dimensioni di testo Aa Aa

Manifestazioni a Lampedusa per protestare contro l’apertura di un nuovo centro di identificazione ed espulsione voluto dal governo italiano. Gli abitanti dell’isola sono scesi in piazza contro la nuova struttura che si trova in una ex base della Nato, chiedendo di non trasformare Lampedusa in un carcere.

Secondo il progetto del Ministro dell’interno Roberto Maroni, il centro dovrebbe consentire il rimpatrio diretto dei clandestini. Allo sciopero generale indetto dal Consiglio comunale hanno partecipato oltre 4 mila dei 6 mila abitanti dell’isola. “Da gennaio – ha dichiarato Maroni – abbiamo rimpatriato 150 persone direttamente da Lampedusa”. La nuova struttura affiancherà il Centro di prima accoglienza che ha una capienza di 850 posti ma ospita in questi giorni circa 2000 persone. L’Alto commissariato per i rifugiati delle nazioni unite si è detto preoccupato per la situazione umanitaria dei migranti, fra i quali molti richiedenti asilo politico.