ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cina. Condanne esemplari per il latte alla melamina

Lettura in corso:

Cina. Condanne esemplari per il latte alla melamina

Dimensioni di testo Aa Aa

Latte alla melamina. Due pene capitali, una terza condanna a morte, sospesa, e varie condanne che vanno dai 5 anni all’ergastolo. La Cina ha voluto mostrarsi inflessibile nel sanzionare i responsabili dello scandalo.

All’ergastolo va Tian Wenhua, 66 anni, una delle imprenditrici più note del paese, ex presidente della Sanlu, l’azienda che ha commercializzato il latte in polvere contraffatto. Le condanne a morte sono state inflitte a un fornitore di melamina e a un produttore che ha venduto latte già contamimanto alla Sanlu. Le sentenze sono state pronunciate mentre davanti al tribunale di Shijiazhuang, nel nord della Cina, i familiari dei bambini vittime di questo traffico manifestavano la propria rabbia. Solo una delle famiglie ha accettato il risarcimento offerto dalla Sanlu e ha ritirato la denuncia. Almeno 6 neonati sono morti e altri 300 mila si sono ammalati. La melamina è una sostanza chimica che viene solitamente usata per la fabbricazione della colla. Ma l’industria agroalimentare locale ha scoperto che fa anche lievitare la densità proteica dei cibi, da qui il suo utilizzo con gravi danni per la salute, soprattutto al fegato e ai reni. Lo scandalo è scoppiato in settembre, anche se le prime notizie erano già cominciate a filtrare in agosto. Le autorità cinesi avevano però tentato di soffocare l’informazione per non “turbare” l’atmosfera durante i giochi olimpici di Pechino.