ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il fuoco intimidatorio ferisce cinque civili palestinesi

Lettura in corso:

Il fuoco intimidatorio ferisce cinque civili palestinesi

Dimensioni di testo Aa Aa

Il fuoco sparato a scopo intimidatorio da una nave da guerra israeliana al largo delle coste di Gaza ha ferito cinque palestinesi, tre adulti e due bambini.

L’obiettivo era una barca da pesca troppo vicina ai confini secondo i militari, ma gli spari hanno raggiunto la costa. Le navi da guerra che pattugliano i confini via mare non hanno cessato di aprire il fuoco durante la tregua vigente da quattro giorni. Tel Aviv ha ribadito ieri che eserciterà fino in fondo il diritto alla legittima difesa. Non si escludono altri attacchi ai tunnel al confine con l’Egitto, varchi per il contrabbando di armi e di beni di prima necessità. Non toglierà inoltre il blocco su Gaza imposto da giugno duemilasette in seguito alla vittoria di Hamas, ma permetterà da oggi il passaggio degli aiuti umanitari. Una concessione alla diplomazia internazionale dopo che secondo l’Onu ieri sono entrati meno della metà dei quattrocento carichi necessari. Israele preme anche per la liberazione del soldato Ghilad Shalit, ostaggio dal duemilasei di Hamas. Tel Aviv si dice disposta a liberare i militanti prigionieri, come richiesto dai rapitori. Reputa hamas troppo indebolito per trarre vantaggio da questo ritorno.