Chiudere
Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?

Skip to main content

|

La lunga strada di Barack Obama verso la Casa Bianca è stata posta sotto il segno di Abraham Lincoln. Fin dall’annuncio della sua candidatura nel febbraio del 2007 a Springfield la capitale dell’Illinois dove Lincoln cominciò la sua carriera politico.

“La ragione per la quale, all’ombra del Campidoglio del Vecchio Stato dell’Illinois, dove Lincoln esortò la casa divisa a restare unita, dove si trovano le speranze e i sogni comuni, sono venuto qui davanti a voi è per annunciare la mia candidatura a presidente degli Stati Uniti”. Le somiglianze con Lincoln, il presidente che abolì la schiavitù, non mancano. Come lui Obama è un abile oratore che non esita a scrivere i suoi discorsi sulle questioni più importanti. Entrambi insistono sull’unità della nazione al di là delle logiche partigiane. “Sono due persone dal fisico asciutto cresciuto nell’Illinois. Con un’esperienza parlamentare limitata. Venuti fuori dal nulla vincendo le elezioni presidenziali. Entrambi avvocati, entrambi restati per poco tempo al Congresso. Ed entrambi portati da una prominenza della vena oratoria”. Entrambi considerano l’umiltà una virtù politica: ed è singolare come sia Lincoln che Obama abbiano sconfitto nella corsa alla nomination un senatore di New York. E questo non ha impedito ad Obama di scegliere Hillary Clinton come Segretario di Stato. Per coltivare il parallelismo con Lincoln Obama rifà lo stesso percorso in treno che fece il XVI presidente degli Stati Uniti per recarsi da Filadelfia a Washington il occasione dell’investitura. È nella capitale federale che il 20 gennaio Barack Obama giurerà sulla Bibbia di difendere la Costituzione degli Stati Uniti. Il libro religioso è lo stesso che usò Lincoln nel 1861. Ma non tutti gli storici sono convinti che paragonarsi a un personaggio della statura di Lincoln sia un bene. “Obama deve andarci cauto con i parallelismi storici perché nessun periodo contemporaneo può essere una replica del passato”. Quello che è certo è che entrambi sono diventati presidenti in momenti difficili per il Paese. L’avventura politica e umana di Lincoln finì sotto i colpi di un estremista. Barack Obama invece è solo all’inizio di una presidenza ad alto rischio.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni
|