ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Partnership strategica tra Fiat e Chrysler

Lettura in corso:

Partnership strategica tra Fiat e Chrysler

Dimensioni di testo Aa Aa

Fiat acquisisce una quota di Chrysler. L’azienda torinese diventerà proprietaria del 35% del colosso americano dell’auto senza esborso di denaro. Il Lingotto ne acquisità azioni fornendo in cambio le proprie piattaforme tecnologiche per la costruzione di vetture più piccole. Il gruppo americano, fondato nel 1925, undici anni fa fu acquisito da Dailmer che, nel 2007, vendette a Cerberus a cui oggi, con l’ingresso di Fiat, resterebbe il 45%, a Dailmer quasi il 20%. Il gruppo nel 2008 ha registrato un volume d’affari di due milioni di euro. L’accordo Fiat-Chrysler si basa su una forte partnerhip industriale, finalizzata alla produzione e alla distribuzione di auto e risponde alla politica del Lingotto di rafforzamento di alleanze strategiche. L’azienda di Mirafiori che sta puntando a consolidare la sua presenza sul mercato mondiale, avrà accesso privilegiato a quello americano. Nessun rischio, inoltre, rispetto alla crisi che ha colpito Chrysler, Fiat potrà solo beneficiare di una ripresa. Secondo i vertici, dal sodalizio trarranno vantaggi strategici entrambe. E in termini di strategia nel settore dell’auto è molto attivo anche il colosso giapponese Toyota. Nella fase più difficile per l’azienda, a causa della crisi mondiale, le redini del gruppo sono tornate in mano alla famiglia che detiene il 2% del capitale. Alla presidenza è stato nominato Akio Toyoda, nipote del fondatore.