ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il gas russo è di nuovo in strada verso l'Europa

Lettura in corso:

Il gas russo è di nuovo in strada verso l'Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Stamani Russia e Ucraina hanno riaperto i rubinetti delle proprie pipiline. Il primo paese che ha ricevuto nuovamento il gas è stato la Slovacchia, perché le forniture si stabilizzino, stando alle società tedesche Eon e Rwe, ci vorranno almeno tre giorni.

Gazprom fornirà all’Ucraina 423 milioni di metri cubi di gaz al giorno, 348 destinati all’esportazione e 75 al consumo interno. Il prezzo è praticamente raddoppiato rispetto all’anno scorso. Destinato a diminuire nel corso dell’anno, il costo rappresenta comunque una gravame in più per Kiev che deve fare i conti con un debito elevato e il crollo della sua moneta. Il Cremlino ha salutato con soddisfazione l’accordo. MA la Russia adesso sui due nuovi progetti di gasdotto che eviteranno di passare per l’Ucraina. L’Unione europea per bocca delpresidente della Commissione europea ha criticato l’atteggiamento di Russia e Ucraina durante la crisi: 52 “Quando firmiamo un accordo, o anche senza firmare un documento diamo la nostra parola, le azioni dovrebbero esser conseguenti. Durante questa crisi, per diverse volte ci è stato detto sia da russi che da ucraini che qualcosa sarebbe successo e invece niente è accaduto. Non lo dimenticherò”. Quella che è stata ribatezzata “la seconda guerra del gas tra Russia e Ucraina” è iniziata il primo gennaio. Le trattative hanno portato alla fine dello stallo solo ieri. .