ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il lancio di razzi non rispetta la tregua

Lettura in corso:

Il lancio di razzi non rispetta la tregua

Dimensioni di testo Aa Aa

Il lancio dei razzi non si ferma alla tregua annunciata dalle parti. Nel pomeriggio due missili hanno raggiunto la zona a sud di Israele, senza fare vittime, in aggiunta ad altri ordigni partiti dalla Striscia di Gaza in mattinata, cioè prima della dichiarazione di Hamas del cessate il fuoco. La popolazione israeliana, intanto, mostra il suo scetticismo nei confronti dell’efficacia della fine delle ostilità e il leader politico dell’opposizione Benjamin Netanyahu esprime il suo disappunto:

“La guerra non è finita, è chiaro che Hamas è ancora attiva. E’ necessario che Israele usi la stessa forza che hanno subito gli abitanti di Sderot per anni per eliminare questa minaccia una volta per tutte”. Le tensioni con Hamas i cui attacchi a sud di Israele, negli ultimi otto anni, hanno ucciso una ventina di civili diventano terreno di confronto politico, in vista delle elezioni di febbraio. Molti cittadini israeliani auspicano a breve la fine del conflitto “Credo che sia il momento di fermare la guerra e tutti i bombardamenti da parte nostra e da parte palestinese”. “Credo che sia giunto il momento di mettere fine a questa guerra di cui abbiamo pagato il prezzo e lo abbiamo fatto pagare”. Rabbia e sconforto sono i sentimenti degli abitanti di città come Sdérot e Ashqelon, entrambe, in giornata, bersaglio di attacchi e obiettivo di oltre dieci mila missili Qassam negli ultimi anni.