ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sì alla terza pista a Heathrow

Lettura in corso:

Sì alla terza pista a Heathrow

Dimensioni di testo Aa Aa

La terza pista sull’aeroporto di Heathrow si farà. Il governo di Londra ha dato l’ok definitivo alla controversa opera, contestata da ambientalisti e opposizione, del costo di 10 miliardi di euro. Sarà costruito anche un sesto terminal. Il quinto era stato inaugurato soltanto l’anno scorso.

Il ministro dei trasporti Geoff Hoon: “Non fare nulla significherebbe favorire Francoforte, Amsterdam e Parigi. Danneggerebbe la nostra economia e non ci sarebbe alcun vantaggio per il cambiamento del clima”. Heathrow è l’aeroporto internazionale più trafficato del mondo, con i suoi 65 milioni di passeggeri annui e l’infrastruttura è utilizzata al 99 per cento della sua capacità. Per consentire la costruzione della terza pista, un intero villaggio sarà raso al suolo. Parla un’insegnante della scuola: “Ancora una volta, non hanno ascoltato la popolazione, ma solo gli interessi delle imprese. Sono triste anche perché questa scuola sarà demolita, l’intera comunità di Sipson sarà distrutta”. Gli ambientalisti si oppongono con forza all’ampliamento, giudicato pericoloso per l’inquinamento atmosferico e acustico e per l’aggravamento delle emissioni di CO2. A sostenere la necessità della terza pista sono invece le imprese, le compagnie aeree e i principali sindacati.