ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La surreale crisi del gas prosegue, tra accuse reciproche di Russia e Ucraina

Lettura in corso:

La surreale crisi del gas prosegue, tra accuse reciproche di Russia e Ucraina

Dimensioni di testo Aa Aa

L’unico fatto certo in questa vicenda è che il bramato combustibile in Europa ancora non arriva.

Dopo un estenuante braccio di ferro, grazie alla mediazione interessata dell’Unione Europea, sembrava tutto pronto perche’ da martedi’ il gas tornasse nelle condutture. E invece niente. Increduli e irritati tutti gli attori di quella che rischia di trasformarsi in una farsa: le autorità ucraine, che accusano Mosca di voler destabilizzare le loro istituzioni, lo stesso Putin, che si è recato immediatamente nella centrale di controllo di Gazprom, e il presidente della Commissione Europea Barroso, che ha chiamato il premier russo per avere spiegazioni, invano. Mosca giura di aver riaperto i rubinetti, mentre Kiev parla di scarsa pressione nelle condutture. E intanto l’Europa resta al gelo. Annunciata per oggi una missione in Russia ed Ucraina dei due governi maggiormante colpiti: quelli di Bulgaria e Slovacchia.