ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Trovato l'accordo. Domani mattina riprendono le forniture

Lettura in corso:

Trovato l'accordo. Domani mattina riprendono le forniture

Dimensioni di testo Aa Aa

I precedenti obbligano alla prudenza. Ma stavolta le dichiarazioni delle diverse parti in causa concordano: le forniture di gas russo verso l’Unione Europea riprenderanno domani mattina. Gli incontri di oggi a Bruxelles tra i ministri dell’energia dell’Unione, i rappresentanti di Gazprom e i rappresentanti ucraini sono andati avanti per tutta la giornata. Un clima convulso, l’ultimo tour de force per mettere tutte le carte sul tavolo ed evitare cattive sorprese.

In prima linea il commissario all’energia Andris Piebalgs che ha fatto pressing sui dirigenti di Gazprom e sul vicepremier russo Igor Setchin fornendo tutte le garanzie richieste da Mosca. “Abbiamo raggiunto un accordo chiaro con i russi. Domani alle 8.00 ora di Bruxelles il flusso riprenderà. Poi ci vorranno 24 ore o forse 30 prima che il gas raggiunga le utenze” ha spiegato Piebalgs. I russi affermano di temere nuovi stornamenti di gas da parte degli ucraini e hanno chiarito che al minimo incidente sono pronti a fermare di nuovo tutto. Chiedono inoltre un feed back immediato sul lavoro di monitoraggio che gli osservatori internazionali si apprestano a compiere lungo i gasdotti. L’Europa ha giocato il ruolo del garante visto che non ha i mezzi per rinunciare al gas proveniente dalla Russia